Skip to content
7 maggio 2012 / bommaraya

Intervista – UKUKU

domande di Francesco Zampini


1 – Chi sono e come nascono gli UKUKU?

Gli Ukuku sono una band votata al lato più primitivo del metal estremo. Nasciamo nel 2003 per volere di Supay, Mabon, Paolilla e Linda. Le formazioni sono variate con il passare del tempo ma abbiamo sempre mantenuto le nostre peculiarità.
2 – Per quale motivo vi siete sciolti nel 2008?

C’era del nervosismo latente da un po’ di tempo. Una sera di febbraio, dopo un concerto tenutosi al Time Out di Verona, il nostro batterista Lelez decise di mollare il progetto, in forte contrasto con il bassista Mizar. Abbiamo cercato di continuare reclutando Jacopo Frapporti alla batteria ma dopo due prove l’idea è decaduta.
3 – Riuscite a definire il vostro “primitive metal”? E’ forse una questione di
attitudine più che di musica?

Effettivamente si, è così. Ci piacciono le cose dirette, senza troppi fronzoli anche se curate il giusto. Musicalmente si tratta di un mix tra thrash e death.
4 – Che tipo di riferimenti e di influenze avete?

Le band che abbiamo sempre preso ad esempio sono Sepultura, Obituary, Pantera, Ektomorf, Kreator, Sodom…In particolare i dischi più pachidermici: “Roots”, “Back from the dead”, “Instinct”, “Destroy”, “Outcast”, “Agent orange”, “Chaos Ad”…
5 – In “Esplosione di organi interni” sono presenti anche tracce in italiano, credete che a livello espressivo questa cosa possa coniugarsi bene con il genere da voi proposto?

Assolutamente si. E crediamo anche che molte italian metal bands dovrebbero riscoprire la bellezza della propria lingua. I pezzi a cui ti riferisci sono “Malaria”, “Neri presagi” e “Dimentica il mio nome”. In tutti parliamo di cose importanti per Mabon e, in “Malaria”, per Supay, gli autori.

6 – Nel vostro lavoro la produzione non si può definire cristallina, è una scelta voluta per fare un salto alle origini del genere?

Diciamo che abbiamo fatto di necessità virtù. E comunque si, in parte è voluta.
7 –  Voi siete di Verona, come definireste la situazione musicale veronese? Anche per quanto riguarda gli spazi dedicati alla musica.
Gli spazi sono sempre meno, anche e sopratutto a causa della mancanza di cultura musicale. Mi fa ormai vomitare vedere quanto i gestori sfruttino le band. E ancor più schifo mi fa vedere che le stesse non fanno nulla per fuggire a questo trend. La scena, metal, ci sarebbe anche se il tempo l’ha indebolita. Da segnalare: Skorbutiks (death metal band in cui suona Mabon), Cursed Seal, Riul Doamnei, Aneurysm, Mothercare e pochi altri…
8 – Cosa dobbiamo aspettarci da voi prossimamente?
A meno che non arrivino proposte serie non credo rimetteremo piede su un palco come Ukuku. Se ci fosse un etichetta a supportarci, locali disposti a pagare e tour da organizzare sarebbe un discorso, ma suonare davanti a quattro gatti per poi pregare il gestore di turno per un cazzo di sacrosanto rimborso…beh, che vadano a farsi fottere! Di noi resterà “Esplosione di organi interni” che contiene, e lo penso davvero, molti pezzi validi. Chi lo vuole acquistare scriva a fra.bomma@gmail.com per averlo a 5 euro più eventuali spese di spedizione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: