Skip to content
8 giugno 2012 / bommaraya

Intervista – SCHNEIDER NUR

domande di Francesco Bommartini

risposte di Schneider Nur e Caterina Guardini


1 – “Finalmente la scena è morta”: perché avete deciso di titolare il vostro ep in modo tanto provocatorio?

Guarda, ti sembrerà incredibile, ma se prendi il numero di telefono del chitarrista e sostituisci le lettere dell’alfabeto alle cifre che lo compongono, esce “Finalmente la scena è morta”. E’ un numero davvero molto lungo, il suo. Ciononostante,  solitamente a noi piace spiegarlo in questo modo: a nessuno piacciono i rantoli, ma noi ci dilettiamo a subire aggressioni nei bui vicoli della Verona-bene. 

2 – Qual è la genesi degli Schneider Nur? So che il primo nucleo della band è nato nell’estate 2010…

Il gruppo nasce come nascono tutti i gruppi, perché non ci passava niente. Poi per darci un’aria un po’, così, magniloquente, ogni volta forniamo una versione diversa dei fatti in modo tale da costituire un corpus di variazioni sul mito da tramandare oralmente. Per esempio, quella che diremo a te oggi è a sua volta una riscrittura postmoderna di fonte popolar-commerciale, a sua volta, tra l’altro, riscrittura di fiaba, ché non ci facciamo mancare nulla. Dice più o meno così: “Passavamo tutto il giorno a guardarci nelle palle degli occhi: immagina la noia. Così abbiamo inventato questo soffia-bla-bla per fare della bella musica. Blerp.”.

3 – Avete registrato il disco negli UnderThePool Studios di Michele Nicoli. Come sono andate le sessioni di registrazione?

A vapore, ci piace il vintage. Come a tutti d’altronde, di questi tempi. Michele ci ha dato una grande mano sia dal punto di vista degli arrangiamenti che da quello meramente esecutivo. E’ stata la nostra prima vera e propria esperienza in studio. Ha suonato anche diverse parti strumentali ed è diventato di fatto il “produttore artistico” del gruppo. 

4 – Dimmi 5 influenze musicali che hanno un forte influsso sulla vostra creatività.

Siccome 2+2= 5, te ne elenchiamo 4:
I capelli di Johnny Marr, che poi erano quelli di Brian Jones.
Le scarpe di Jim Reid.
La cover band italiana ufficiale dei Pulp. I Righeira.

5 – Cosa manca a Verona per poter essere contenti?

Il napalm e le atmosfere apocalittiche. Tranne che nel metal, lì se ne trovano a bizzeffe. In compenso abbiamo il cimitero monumentale che è abbastanza figo, ma i fiori te li devi portare da casa. Mentre musicalmente parlando direi di rifarti alla domanda N.1.

6 – Avete suonato abbastanza live, senza dubbio più della media attuale. Immagino vi saranno capitate varie situazioni, anche sgradevoli. Parlacene.

Abbiamo suonato abbastanza live, senza dubbio più della media attuale. Ci sono capitate varie situazioni, anche sgradevoli.

7- Il vostro ep è stato presentato sabato 26 maggio al Casablanca di Verona. Quante copie avete venduto quella sera? Com’è andata?

I nostri genitori hanno acquistato tutte le copie, come fece la madre di Alex James nei primi anni ‘90. Per quanto riguarda la serata, il Casablanca è stato davvero un posto squisito in cui presentare il disco. Abbiamo deciso di coronare l’evento con una formazione allargata, comprendente un trombettista e due coriste. È stata davvero una serata speciale e ci teniamo a ringraziare nuovamente tutti i presenti. Compresi Voi di Art Corner. E vai di sviolinata.

8 – Quali sono i programmi futuri degli Schneider Nur?

Beh, questa è una domanda difficile. Per rispondere dovremmo appellarci al Nostradamus che c’è in noi: ci scioglieremo presto, lasciando folle di sociopatici a piangere la scomparsa di una grande promessa e, contemporaneamente, ad inneggiare la gloria del finale autarchico che batte sul tempo il canto del cigno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: